Intervista-Paolo-Beghini

Condividi

Paolo Beghini e le sue illustrazioni concettuali in ‘Editorial Weekly’

Il progetto ‘Editorial Weekly‘ dell’illustratore e content designer imolese Paolo Beghini è nato come forma di auto promozione e di allenamento nell’illustrazione concettuale su tematiche diverse. “Sono soddisfatto dell’esperienza con LemonPrint, specie per la resa cromatica”, ha affermato Beghini, che nel 2015 si è specializzato all’Accademia di Belle Arti di Urbino, per poi proseguire, nel 2016, con un corso IFTS di comunicazione e multimedia.

“‘Editorial Weekly’, ovvero la raccolta di illustrazioni che ho pubblicato con LemonPrint – ha raccontato – è stato un progetto di auto promozione conclusosi ormai un anno fa. Per circa un anno, da aprile 2017 a maggio 2018, ho preso un articolo da una rivista o da giornale di respiro internazionale e ho realizzato un’illustrazione concettuale dedicata”.

“Sono state queste circa 50 illustrazioni che mi hanno consentito di definire un mio stile e affinare l’occhio e la sensibilità nell’illustrare concetti in maniera non banale.

I tuoi riferimenti creativi, le tue fonti di ispirazione?

“Faccio un po’ fatica a rispondere… Perché le influenze sono tante e non solamente in campo creativo. Ci sono illustratori che sono esemplari per come si muovono sui social, altri che pur non avendo uno stile troppo ricercato sono geniali nelle metafore visive e altri ancora che hanno uno stile invidiabile”.

“Per quanto riguarda le fonti di ispirazione spesso esulano da ambiti prettamente creativi: chiacchiere con gli amici, buone letture e giri in bicicletta sono fondamentali per fornire un gran numero di metafore visive che regolarmente mi appunto su un taccuino sotto forma di disegnini e annotazioni incomprensibili in grado di nascondere uno o più significati che possono poi venire sviluppati una volta che si presenti un progetto adatto al messaggio che possono sostenere. Quattro nomi comunque ve li lascio: Pablo Amargo, Chiara Ghigliazza, Carlo Giambarresi, Joey Guidone… Geniali!”.

LemonPrint si propone come una piattaforma di stampa online innovativa, cosa ritieni che possiamo provare a sviluppare per offrire un servizio ancora più utile ed efficace?

“Stampa Fine-Art, per poter stampare i propri lavori artistici nella qualità più alta possibile”.

N. B.

Per stampare con LemonPrint, Beghini ha scelto brossura fresata, carta patinata lucida (per fare risaltare i colori delle illustrazioni) e copertina con grammatura maggiore.

 

Scritto da

Frizz

La tua guida su Lemonprint
A Bologna il mondo è più ‘creativo’