Alessandro-Ripane

Condividi

Tra fanzine e creatività: Alessandro Ripane e la sua ‘Samba’

Genovese, classe 1989, Alessandro Ripane è un illustratore freelance che con LemonPrint ha stampato “Samba“: una raccolta di lavori, progetti personali, illustrazioni per fanzines realizzati tra il 2012 e il 2017 e alcuni dei quali mai stampati prima.

Alessandro Ripane

Dopo un’esperienza di un anno e mezzo in Svezia, “ora vivo a Milano. Mi occupo di illustrazione da diversi anni – ha raccontato Ripane – recentemente anche di fumetto, ma per il momento preferisco non dirlo troppo forte. Prima mi divertiva molto disegnare cose sciolte, poi ho ricevuto un sacco di lavori e commissioni che mi richiedevano appunto di illustrare cose sciolte, da allora mi sono decisamente solidificato. Manca ancora lo stato gassoso e poi con gli stati della materia sono a posto!”.

Da dove nasce l’idea della pubblicazione prodotta con LemonPrint?

“Non sono mai stato un grande fan dei ‘Greatest Hits’- ‘Best of’ nella musica, non saprei nemmeno spiegare perché, li odio e basta. Ci sono ovviamente eccezioni eh, ma in genere mi hanno sempre irritato. Tuttavia, a un certo punto della vita ho pensato che sarebbe stata una buona idea radunare parte della mia produzione di quegli anni (realizzata in un periodo in cui partecipavo ad una quantità di fanzine/riviste autoprodotte/open call/porcherie varie a dir poco inquietante) in un unico volume”.

“È stato un periodo importante, ha definito molto il mio stile attuale, gran parte dei lavori che trovate su ‘Samba‘ l’ho disegnata quando vivevo in Svezia, nel 2012/2013. E poi è una specie di modo per dirmi ‘Guarda come disegnavi un tempo, ora hai l’Ipad e sei un fighetto di mxxxa’!

“Ho riferimenti creativi piuttosto semplici – ha raccontato Ripane – le chiacchiere e le risate con gli amici, gente a caso, video marci su YouTube, passeggiare per la città e prendere i mezzi pubblici, girare in bici, le cose di Bolo Paper (che mi fanno ridere tantissimo ogni volta) e cose così. Guardo tantissimi film e ascolto molta musica, queste cose mi hanno sicuramente influenzato moltissimo, spero si possa facilmente vedere dalle robe che faccio”.

“Dovrei leggere decisamente di più, specialmente fumetti: non sarebbe una cattiva idea, visto che poi li disegno anche!
Non faccio direttamente una lista di nomi perché sarebbero davvero troppi, dei ‘grandi’ potrei giusto citare Enki Bilal perché è stato quello che più di tutti mi ha fatto comprendere che si possono inserire un sacco di idee davvero matte dentro a prodotti serissimi. Di quelli più ‘giovani’ vado matto per i lavori di Erik Svetoft, svedese, fa delle cose incredibili”.

Sei soddisfatto dell’esperienza con LemonPrint?

“Assolutamente sì: sono stati professionali e rapidissimi, anzi, li ringrazio per avermi dato la possibilità di stampare il mio lavoro!”.

LemonPrint si propone come una piattaforma di stampa online innovativa, che semplifica il processo di stampa per tutti gli utenti, offrendo ai creativi la possibilità di stampare senza limiti e template. Cosa vorresti poter fare con LemonPrint?
“Beh, è da un po’ di tempo che tedio davvero tutti ai vari festival cui ho partecipato negli ultimi anni (Inchiostro, PawChewGo, Filler, ecc.) con il mio gioco del memory, farne una versione stampata sarebbe il mio sogno…”.

N.B.

Per stampare con LemonPrint, Ripane ha scelto una brossura con copertina 300gr e pagine interne a 170gr, il tutto in carta patinata opaca.

Scritto da

Frizz

La tua guida su Lemonprint
A Bologna il mondo è più ‘creativo’