Intervista-Alessandro-Cripsta

Condividi

Tra metafisica e simbologia, Alessandro Cripsta presenta il suo Ritual

Alessandro Cripsta è un illustratore e graphic artist che si lascia ispirare da dipinti metafisici e simboli antichi per creare immagini sospese, in grado di fare eco all’inconscio collettivo.

La sua pubblicazione realizzata con LemonPrint è un catalogo riepilogativo dell’esibizione collaborativa “Ritual”, ospitata nel 2017 a Vienna, nella Improper Walls gallery.

“La pubblicazione prodotta con LemonPrint – ha raccontato Cripsta – nasce da una collaborazione con Dilen Tigreblu, si tratta del catalogo riepilogativo di una mostra cui abbiamo lavorato assieme”.

“La mostra, intitolata Ritual, prevedeva la realizzazione di opere personali sul tema della mitologia individuale e una performance di pittura murale ritualistica“.

“Sono molto soddisfatto – ha precisato l’illustratore e graphic artist – della qualità del risultato e dalla resa della stampa”.

“All’inizio della mia ricerca – ha spiegato Cripsta – stanno la simbologia classica e gli archetipi alchemici, per poi svilupparsi su una strada più contemporanea e interconnessa agli strati di informazione visiva che compongono la realtà odierna. Seguo con interesse vari artisti tra cui Cristina Daura, Ekta, Faye Weiwei, Ines Longevial e moltissimi altri. Le mie influenze vanno dal campo della grafica all’illustrazione, all’arte urbana”.

LemonPrint si propone come una piattaforma di stampa online innovativa, che semplifica il processo di stampa per tutti gli utenti, offrendo ai creativi la possibilità di stampare senza limiti e template. Cosa vorresti poter fare con LemonPrint?

“Forse – ha risposto Cripsta – mi interesserebbe poter stampare su tessuto, se dovessi proporre un servizio che mi interesserebbe provare!”.

N. B.

Per stampare con LemonPrint, Cripsta ha scelto una resistente brossura fresata, una carta patinata lucida per far risaltare i colori delle illustrazioni e una copertina con una grammatura maggiore.

Scritto da

Frizz

La tua guida su Lemonprint
A Bologna il mondo è più ‘creativo’